Warning: Creating default object from empty value in /web/htdocs/www.unisobmedialab.it/home/wp-content/themes/crocal/includes/framework/inc/class.redux_filesystem.php on line 29
Chi Siamo — Unisob Media Lab

L’Unisob Media Lab è un laboratorio di ricerca presso l’Università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli per l’analisi e lo studio delle dinamiche attuali e potenziali all’interno della mediasfera.

Gli obiettivi di ricerca si focalizzano, innanzitutto, sullo studio dell’Infosfera, quale globalità dello spazio delle informazioni, che include sia il cyberspazio sia i mass media classici, e sull’information warfare, nella sua variante mediologica e di propaganda informativa per il controllo delle informazioni e del “senso comune”.

Ambiti e tematiche di ricerca

01

Influenza Sociale
e Colonizzazione Degli Immaginari

Studio del dominio dell’informazione e dei meccanismi di influenza sociale e di subordinazione psicologica che si innescano all’incrocio del rapporto media-tencologia, nella dinamica di convergenza cross e trans mediale del soft power generato dalle architetture e dagli algoritmi degli ambienti mediologici e nel contesto delle attività degli agenti di influenza.

Lo studio del dominio di influenza è inoltre esteso a quelle attività di orientamento e modellamento della realtà finalizzate alla colonizzazione e decolonizzazione degli immaginari sociali e collettivi.

Obiettivo di questo ambito di ricerca è la definizione di metriche di analisi per lo studio dell’evoluzione e della trasformazione dell’opinione pubblica da un lato e del senso comune dall’altro negli ambienti sociali digitali e non.


02

Misinformation, perception management, digital humint e social sensing

Studio dei processi di disinformazione, misinformation e delle dinamiche di perception management a cui l’opinione pubblica è sottoposta, non solo nei processi di comunicazione istituzionale o politica, ma soprattutto nelle logiche di deception e di influenza sociale condizionate dalle strategie di economic warfare e/o di information warfare.

Lo studio degli utenti come sensori sociali – non solo nella dinamica dei progetti di alerting collettivo, ma anche e soprattutto come creatori di senso comune e sociale nelle narrazioni (mainstream e non) sulla quotidianità – è focale per tentare di dirimere e comprendere la complessità della società che abitiamo.

Obiettivo di questo ambito di ricerca è, da un lato, la definizione tassonomica delle strategie e delle tecniche di manipolazione mediatica, misinformation, perception management oggi in uso, dall’altro, la definizione degli indicatori di social sensing come sistema avanzato di intelligenza collettiva.


03

Information cyberwarfare

Studio dei soft power e delle guerre di potere informative globali, dei relativi conflitti e dei suoi netwarriors (hacker, cracker, mediattivisti, mercenari informatici e agenzie di influenza) e le ricadute a livello nazionale.

Obiettivo di questo ambito di ricerca è la definizione della topografia dello spazio sociale dei luoghi della infosfera e della semiosfera (media tradizionali e digitali: google, facebook, twitter, youtube, reddit, 4chan, forum, blog, etc.) attraverso cui individuare i players dell’infowar e i network di propaganda, le strategie, le metodologie, gli strumenti, le narrazioni, le narrative e gli echo chambers in cui avviene la colonizzazione degli immaginari, eversivi e non, di deception nel contesto della guerra informazionale e nella dinamica degli effetti di propagazione e spreadability.

  • Studio del dominio dell’informazione e dei meccanismi di influenza sociale e di subordinazione psicologica che si innescano all’incrocio del rapporto media-tencologia, nella dinamica di convergenza cross e trans mediale del soft power generato dalle architetture e dagli algoritmi degli ambienti mediologici e nel contesto delle attività degli agenti di influenza.

    Lo studio del dominio di influenza è inoltre esteso a quelle attività di orientamento e modellamento della realtà finalizzate alla colonizzazione e decolonizzazione degli immaginari sociali e collettivi.

    Obiettivo di questo ambito di ricerca è la definizione di metriche di analisi per lo studio dell’evoluzione e della trasformazione dell’opinione pubblica da un lato e del senso comune dall’altro negli ambienti sociali digitali e non.


  • Studio dei processi di disinformazione, misinformation e delle dinamiche di perception management a cui l’opinione pubblica è sottoposta, non solo nei processi di comunicazione istituzionale o politica, ma soprattutto nelle logiche di deception e di influenza sociale condizionate dalle strategie di economic warfare e/o di information warfare.

    Lo studio degli utenti come sensori sociali – non solo nella dinamica dei progetti di alerting collettivo, ma anche e soprattutto come creatori di senso comune e sociale nelle narrazioni (mainstream e non) sulla quotidianità – è focale per tentare di dirimere e comprendere la complessità della società che abitiamo.

    Obiettivo di questo ambito di ricerca è, da un lato, la definizione tassonomica delle strategie e delle tecniche di manipolazione mediatica, misinformation, perception management oggi in uso, dall’altro, la definizione degli indicatori di social sensing come sistema avanzato di intelligenza collettiva.


  • Studio dei soft power e delle guerre di potere informative globali, dei relativi conflitti e dei suoi netwarriors (hacker, cracker, mediattivisti, mercenari informatici e agenzie di influenza) e le ricadute a livello nazionale.

    Obiettivo di questo ambito di ricerca è la definizione della topografia dello spazio sociale dei luoghi della infosfera e della semiosfera (media tradizionali e digitali: google, facebook, twitter, youtube, reddit, 4chan, forum, blog, etc.) attraverso cui individuare i players dell’infowar e i network di propaganda, le strategie, le metodologie, gli strumenti, le narrazioni, le narrative e gli echo chambers in cui avviene la colonizzazione degli immaginari, eversivi e non, di deception nel contesto della guerra informazionale e nella dinamica degli effetti di propagazione e spreadability.

Team di ricerca

Antonio Ruoto

Rinaldo Mattera